Mostre Opere Critica News Links Amici Contatti HOME
   

Giordano '98

       
           
   

[…] E allora, in questa metafisica del desiderio, sembra avverarsi nuovamente il sogno (ma non Ú un delirio?) di uno sguardo ravvicinato che possiede: l'occhio avvicina il proprio oggetto, lo scruta, lo scompone, lo contiene e, nel contenimento rinnova il mito di una sublime fusionalitÓ: l'occhio Ú l'oggetto come il corpo materno Ú lo sguardo del figlio.

╚ uno sguardo, quello dell'occhio senza distanza, freddamente anatomico: seziona il corpo in particelle sconnesse e solo nel contatto col particolare vive l'illusione della totalitÓ.

Il corpo scrutato Ŕ, allora, in questo serpeggiare di tratti che Franco Massanova domina con raffinato vigore, l'insinuazione allo squarcio Ú un meandro del corpo perduto, l'autoptico esame di un nero mentale.

A quel corpo, a quegli universi mondi spesso al limite di sensuali astrolabi metafisici, Massanova risale lungo reticoli avviluppanti, a volte sottile altre volte spessi come arterie, infine sicuri come cordoni ombelicali.

             
         

Luigi Giordano